Fanano, frazione di Gradara, era un antico castello feudale, viene infatti citato in un documento del 1149. Come appare negli atti conservati nell’Archivio Arcivescovile di Ravenna del 1182, fu posseduto da “Albarara mater e Giutta filia”, che ne cedettero parte all’Arcivescovo Gerardo di quella città.

Nelle corti del Castello di Fanano alcuni fondi, Masiniano e Casale, erano posti in giurisdizione di Santa Sofia, mentre altri (come il fondo Tavollo) risultavano di pertinenza di San Cristoforo. Se ne deduce che i fondi disposti a nord est del colle di Fanano fossero inclusi nel plebato di San Cristoforo, mentre quelli a Sud est e sud ovest in quello di Santa Sofia. I due pivieri attestati nell’XI, San Pietro e Santa Sofia, ebbero giurisdizione soprattutto sui castelli bassomedievali di Gradara, Fanano e Fiorenzuola.

La chiesa di San Michele Arcangelo è costruita sulla strada che collegava i castelli di Fanano e Gradara.