La ricorrenza del 6 aprile 1520 quale data della morte di Raffaello Sanzio pare coincida anche con quella della sua nascita a Urbino.

Secondo la notizia del Vasari riportata all’epoca, Raffaello nasce ne «l’anno 1483, in venerdì santo, alle tre di notte, da un tale Giovanni de’ Santi pittore non meno eccellente, ma sì bene uomo di buono ingegno, e atto a indirizzare i figli per quella buona via, che a lui, per mala fortuna sua, non era stata mostrata nella sua bellissima gioventù». Questa notizia comporta che Raffaello sia nato il 28 marzo (venerdì santo). Tuttavia esiste un’altra versione secondo la quale il giorno di nascita del maestro urbinate dovrebbe essere il 6 aprile, e ciò sulla base della lettera di Marcantonio Michiel ad Antonio Marsilio, che sottolinea come la data del giorno e dell’ora di morte di Raffaello, apparentemente coincidente con quella di Cristo – ore 3 del 6 aprile, venerdì prima di Pasqua – corrispondano esattamente con la data della sua nascita. Naturalmente, tutto questo ha il sapore della leggenda e se si può ritenere sufficientemente certo il giorno della sua morte, non può essere così per quello della sua nascita. Fonte Wikipedia.

In questo 2020 sciagurato e bisestile cade l’anniversario dei 500 anni dalla morte di questo sublime figlio delle nostre amate terre e, visto che il tempo ce lo concede gentilmente questa clausura da coronavirus, possiamo tranquillamente spendere un po’ del nostro tempo per conoscere meglio questo grande artista. Per esempio visitando questo museo: